Entrate in una casa borghesse di fine ‘300 con i Credendari del Cerro

Libri e qualche manichino con abiti ricostruiti prima di entrare ed ammirare l’arredo d’interno di una casa borghese di fine ‘300, casa di un benestante Mercante di stoffe ed abiti e tanto altro spazio dedicato agli antichi mestieri medievali.
Venite a visitare lo spazio dedicato ai Credendari del Cerro, tra i più bravi a rappresentare gli antichi mestieri medievali.

Le attività dei Credendari del Cerro


L’associazione storico culturale de “I Credendari del Cerro” nasce nel Settembre 2009 da una passione comune di un gruppo di amici verso l’artigianato e lo studio dell’epoca tardo-medievale, in particolare quella riguardante le vicende legate alla Casata dei Savoia avvenute nel territorio delle Valli di Lanzo e del Canavese tra fine ‘300 ed inizio ‘400 (XIV-XV sec.).

Dalla combinazione di queste due attività, la Compagnia ha presto determinato una propria identità, ritrovando nella disciplina della Ricostruzione storica la massima espressione di queste due arti.
L’associazione no profit, opera per la tutela e la valorizzazione delle arti, dei mestieri antichi e del patrimonio naturale e culturale Medievale delle Valli di Lanzo (To).

L’associazione offre due tipologie ben distinte di scene di vita rievocativa.  Il Mercato delle Valli di Lanzo: Ricostruzione di un mercato medievale di fine XIV sec. (1370 – 1425 d.C.), con la possibilità di visionare diverse attività e manufatti solitamente visibili solo in musei, nella qualità di un cliente dell’epoca.

Tra le botteghe disponibili: Ars Scriptoriae, Bottega del Fabbro, Bottega dell’Erborista, Magister Falignamis, Bottega dell’Apicoltura, Arte dei Tessuti.
L‘Accampamento Storico: una Compagnia di artigiani itineranti provenienti da quel delle Valli di Lanzo, si mobilita alla volta dei grandi Mercati e delle Fiere più importanti dell’Italia e dell’Europa di fine ‘300, al fine di commerciare i propri prodotti e servire la propria manodopera. Al soldo del Signore Conte Verde di Savoia, un piccolo drappello armato si è giunto alla Compagnia per tutelare gli artigiani e le merci dal brigantaggio dei Tuchini.

Ogni attività artigiana e mercantile si contraddistingue per la cura minuziosa dei dettagli: ogni ricostruzione proposta viene realizzata in maniera quanto più fedele possibile sulla base di accurati studi di fonti scritte, iconografiche, pezzi originali. Ristudiare e riscoprire materiali ed antiche tecniche artigianali ormai andate in disuso, rappresenta uno degli aspetti fondamentali dello sperimentare, permettendoci di riprodurre oggetti storicamente veritieri, in grado di apportarci informazioni su diversi aspetti della vita quotidiana dell’epoca.

Ogni artigiano possiede un’adeguata formazione inerente alla propria attività, al mestiere ed agli oggetti che espone. Il visitatore potrà direttamente interagire con gli oggetti presentati,calandosi nei panni di un cliente incuriosito dell’epoca.
Su richiesta pre-concordata l’associazione può occuparsi di creare piccoli laboratori artigianali in diversi ambiti manifatturieri, se non direttamente con noi, con artigiani collaboratori, professionisti nel proprio settore.